Boca e Tigre vanno alla gloria a Cordova: tempo, tv, formazioni e tutto quello che c’è da sapere sulla finale di Coppa di Lega

Darío Benedetto è la carta offensiva di Sebastián Battaglia

Bocca andrà alla ricerca di una nuova stella per il suo scudo contro un pericoloso rivale come Tigre che cercherà di generare un altro “bump” come è successo tre anni fa prima del Xeneizza e 10 giorni fa vs. River Platequesta volta nella finale di Coppa di Lega per essere giocato Cordova.

Si giocherà la definizione che consacrerà il primo campione nazionale dell’anno 16nello stadio Mario Alberto Kempessarà arbitrato da Neuquén Dario Herrera e trasmesso in televisione da ESPN Prime. Responsabile di VAR sarà Mauro Vigliano e se la partita finisce uguale dopo cosas 90 minuti, ci sarà tempi supplementari di 30 minuti per definire il campione, anche se, se la parità persiste, verrà utilizzata la definizione con tiri dal dischetto.

Boccainsieme a 71 titoli locali aggiunto l’era dilettante (14) e professionista (57), cercherà di dirimere la questione pendente che ha in lui Il Dottoredove ha perso le ultime due finali giocate primae San Lorenzo di Supercoppa Argentina 2016 e davanti Tigre di Coppa di Super League nel 2019.

La squadra guidata da Sebastiano Battaglia affronterà la sua prima finale del semestre, con la grande ricompensa che se vince otterrà il titolo e la qualificazione per la liberatori del 2023, mentre il secondo sarà giovedì prossimo La Bombonera in vista di Deportivo Caliche dovrai sconfiggere per avanzare al turno 16 de l’edizione in corso del concorso internazionale.

Per questo motivo, il DT metterà il suo gala 11con due cambi rispetto alla formazione con cui martedì scorso ha eguagliato Corinzi (1-1) a La Boca, che sarà il ritorno di due pezzi chiave come il difensore cornici rosse e l’attaccante Sebastiano Villaentrambi sospesi in Coppa. Chi lascerà la squadra sarà il peruviano Carlos Zambrano e l’attaccante di Santiago Equiele Zeballo.

Bocca ha costruito la sua campagna Coppa di Lega con un secondo posto in Zona B dietro di studenti di La Plata, poi in heads-up ha eliminato Difesa e Giustizia Già Da corsa.

Tigrenel frattempo, era quarto nello stesso gruppo del Xeneizza e nell’heads-up ha eliminato Fiume Y Juniores argentinimentre prima Bocca giocato per l’ultima volta nell’ultima data della zona e perso nella vittoria 2-0 con gol da Dario Benedetto Y Luis Vazquez.

Il Torero giocherà l’ultima istanza del torneo, con l’enorme possibilità che se lo vince sarà in Libertadores il prossimo anno, non appena solo cinque mesi dopo aver ottenuto la promozione in Prima Divisionee in caso di rilancio il trofeo otterrà un segno che pochissime squadre hanno: tornare nella massima serie ed essere campioni.

In Boccail campus di Battaglia sarà quello di diventare forte a centrocampo, con la presenza di William “Pol” Fernandezlo stratega della squadra, il paraguaiano Oscar Romerodi grande pugno, e soprattutto di Allan Varela, che ha preso il posto di centrocampista centrale e ha cambiato il volto della squadra con presenza, taglio e un buon piede.

La cosa più pericolosa del cast di Buenos Aires è in attacco, con il marcatore Dario “Pipa” Benedetto, Eduardo “Totò” Salvio e il colombiano Sebastiano Villa, il giocatore più sbilanciato della squadra con una velocità enorme e che è coinvolto in una seconda causa in quanto accusato di “abuso sessuale aggravato con accesso carnale”.

Tigrediretto da diego martinez, il DT con cui ha ottenuto la promozione dalla Prima Nazionale, avrà a centrocampo il suo capitano e uomo chiave, l’enterrriano di Crespo Sebastian Prediger, che ha lasciato un fastidio muscolare e farà parte del gioco.

Il più saliente di Torero è il recupero di palla a centrocampo con l’ex Colón e Ezequiel “Equi” Fernandezil buon affare con la palla Cristiano Zabala, Facundo Colidio Y alessio castroe il pericolo della zona in avanti Matteo Retegui, che ha giocato una grande partita contro Fiume con un gol compreso e ha preso il posto di colui che è stato titolare per quasi tutto l’anno, Paolo Magnin.

Si presume che sarà un finale di pari sviluppo, perché Tigre È una squadra laboriosa Bocca ha esperienza in partite decisive, oltre alla gerarchia individuale. In totale, entrambe le squadre si sono incontrate 78 partite ufficiali, con 51 vittorie per lo “Xeneizes” contro 14 per il “Matador” e 13 pareggi.

La finale si preannuncia spettacolare sugli spalti dello stadio di Cordoba, con 52.000 fan e biglietti esauriti, 35.000 per Boca e 17.000 per Tigre.

Probabili formazioni

Boca Juniors: Agostino Rossi; Luis Advíncula, Carlos Izquierdoz, Marcos Rojo e Frank Fabra; Guillermo “Pol” Fernández, Alan Varela e Oscar Romero; Eduardo Salvio, Darío Benedetto e Sebastián Villa. DT: Sebastian Battaglia.

Tigre: Gonzalo Marinelli; Lucas Blondel, Víctor Cabrera, Abel Luciatti e Sebastián Prieto; Sebastián Prediger e Ezequiel Fernández; Facundo Colidio, Cristian Zabala e Alexis Castro; Matteo Retegui. DT: Diego Martinez.

Arbitro: Dario Herrera.

Tribunale: Mario Alberto Kempes, di Cordova.

Ora di inizio: 16.

tv: ESPN Premium.

CONTINUA A LEGGERE

L’interno del bar Boca si intensifica prima della finale contro il Tigre: i due incontri della fazione dissidente che hanno messo in allerta la Security
Importa come o solo vincere così com’è: cosa ne pensano i tifosi del Boca Juniors?
Malena Galmarini: “Non ho paura di Villa come tigre, ho paura di lui come donna”

Add Comment