Chiavi per coltivare una vita nel benessere

Un rapporto preparato dal World Economic Forum di Davos ha collocato il deterioramento mentale come il sesto maggior rischio per la salute nel 2022.

Quasi 1.000 esperti, leader mondiali e accademici sono stati consultati su questo problema e sono giunti alla stessa conclusione: c’è un aumento dei disturbi della salute mentale nel mondo che ha un grave impatto sul benessere, la coesione sociale e la produttività.

Dato questo panorama, ci chiediamo quali azioni quotidiane possiamo mettere in pratica per raggiungere una vita sana, badando alle nostre abitudini e coltivando certi costumi che andranno a beneficio della nostra salute globale.

Convocata dall’OSDE, abbiamo parlato con la Dott.ssa Rosana Gogorza, Neurologa e Specialista del Benessere, che approfondisce l’argomento.

capire il benessere

“Possiamo avere molte possibilità per essere felici, per provare soddisfazione per ciò che abbiamo, ma se non siamo consapevoli delle interferenze, soprattutto interne, che potrebbero bloccare quelle possibilità, tutto sarà vano”, spiega Rosana. Secondo lo specialista, “dobbiamo registrare quando ci sentiamo bene e quando no, ma lo facciamo raramente”.

A causa di questa mancanza di connessione, di consapevolezza di noi stessi e delle altre persone, rimaniamo in luoghi in cui non ci sentiamo bene e accettiamo di fare innumerevoli azioni che non corrispondono ai nostri desideri o emozioni.

Possiamo cambiare le nostre abitudini per sentirci meglio? Il Dr. Gorgoza dà una risposta decisa: “Sì! Il primo passo è sviluppare la nostra consapevolezza, occuparci della nostra cecità sensoriale e cognitiva, iniziare a osservare ciò che non sapevamo potesse essere osservato e imparare e formare nuove abitudini per sentirci bene. La buona o la cattiva notizia è che dipende solo da noi. Il benessere è contagioso”.

Oggi sappiamo che il benessere dipende più da noi che dal contesto o dalle conquiste materiali e professionali.

Come migliorare la qualità della vita

Il dottor Gogorza consiglia di mettere in pratica un esercizio che aumenterà la tua felicità: chiediti come sono gli aspetti più importanti della tua vita. Dopo averci pensato, annota i cambiamenti che faresti nella tua routine e mettili in atto. Per questo, prenditi del tempo per disconnetterti da tutti i rumori esterni e dalle preoccupazioni quotidiane. Connettiti con te, con piena consapevolezza dell’attenzione e progetta il tuo contesto. Ti diamo alcune idee:

I desideri hanno bisogno di un contesto. Se qualcosa ti preoccupa, la rimuginazione mentale e le idee disordinate ti porteranno lontano dai tuoi obiettivi. Devi sentirti a tuo agio in tutte le tue dimensioni per raggiungere un benessere equilibrato, come base per il tuo progresso e sviluppo personale. Per questo, ti consigliamo, come pratica quotidiana, di organizzare i tuoi pensieri per categorie per organizzare i compiti in sospeso e andare avanti in base agli obiettivi raggiunti: lavoro, salute, famiglia, professione o relazioni, come alcuni esempi.

Fai la lista delle cose da fare e da non fare

Innumerevoli fattori, esacerbati dalla Pandemia, hanno innescato sentimenti di instabilità, incertezza e ansia nelle persone. “In questo mondo ansioso e mutevole, i nostri desideri e propositi non devono arrendersi, ed è qui che dobbiamo fermarci. Per questo, il modo migliore è sapere cosa vogliamo lasciarci alle spalle. Svuota la tua mente per iniziare a riempirla di nuovo”, propone il dottor Gogorza.

Iniziare con:

1- Elenco dei non desideri: cosa vuoi smettere di fare.

2- Quali cose hai conquistato e vuoi continuare a fare?

3- Quali sono le cose che ti appassionano e vorresti fare di più?

4- Quali cose vuoi iniziare a fare?

L’ultimo esercizio consiste nel rivedere come hai investito il tuo tempo in passato, in modo che ti aiuti a costruire questa nuova tabella di marcia e progetto sulla strada del benessere, conclude.

Puoi saperne di più su questi argomenti nella sezione Salute e benessere di OSDE.

________________________________________________________

Content LAB è l’unità di LA NACION per la generazione di idee e contenuti per i marchi con distribuzione sulle loro piattaforme digitali e social network. Questo contenuto è stato prodotto per un inserzionista e pubblicato da Content LAB. La scrittura di LA NACION non è stata coinvolta nella generazione di questo contenuto.

Add Comment