La bevanda alla moda che incoraggia il consumo a partire dai 12 anni e preoccupa i pediatri

Energizers, la bevanda alla moda che incoraggia il consumo a partire dai 12 anni e preoccupa i pediatri

Fin dalla sua comparsa sul mercato nel 2001, il consumo di bevande energetiche è legato alla notte, ai giovani e all’alcol. Tuttavia, la tendenza ha iniziato a cambiare negli ultimi anni e la cosa più preoccupante è quella vengono ingeriti durante il giorno e dall’età di 12 anni.

Essendo da banco, in molti casi sono i genitori stessi a fornirli su insistenza dei loro figli e la mancanza di conoscenza dei rischi per la salute che possono comportare.

Bevande energetiche sono commercializzati per ridurre l’affaticamento e migliorare la concentrazione, oltre ad aumentare l’energia. Ciascuna lattina contiene, in media, una quantità di caffeina simile a quella di un espresso da 60 milligrammi; oltre ad altri principi attivi, come guaranà e taurina (stimolanti) e zucchero.

Secondo i dati della Camera argentina dell’industria delle bevande analcoliche (Cadibsa), la categoria delle bevande energetiche è cresciuta negli ultimi anni. La crescita nel 2021 è stata del 58% rispetto all’anno precedentetuttavia, la sua quota nell’industria delle bevande analcoliche è vicina all’1%.

Le bevande energetiche comportano il pericolo di un aumento della frequenza cardiaca (iStock)
Le bevande energetiche comportano il pericolo di un aumento della frequenza cardiaca (iStock)

I marchi più importanti che vengono commercializzati in Argentina hanno 32 milligrammi di caffeina ogni 100 millilitri e in tutti i casi avvertono che si tratta di un prodotto analcolico ad alto contenuto di caffeina.

“È importante notare che il consumo di bevande energetiche è associato ad aritmie cardiache, tra cui tachicardia sopraventricolare, fibrillazione atriale, tachicardia ventricolare e fibrillazione ventricolare; Questi ultimi due coinvolti nel morte improvvisa”spiegato a Infobae Dr. Carlos Reguera, cardiologo e capo dell’area di Medicina Preventiva e Cardiologia dell’Istituto di Neuroscienze di Buenos Aires (INEBA).

L’evidenza attuale mostra che non dovrebbero essere ingeriti da persone a rischio come pazienti con malattia coronarica, cardiomiopatie o canalopatie ereditarie.

“Negli individui sani o apparentemente sani, si raccomanda di limitarne il consumo a una lattina al giorno, È importante non combinarli con alcol o altre sostanze perché aumentano la loro componente aritmogena”, ha osservato Reguera.

Quello che preoccupa di più è che i minorenni ingeriscano bevande energetiche a qualsiasi ora del giorno.  Ritengono che dia loro le energie sufficienti per affrontare una lunga giornata di studio e di attività extracurriculari
Quello che preoccupa di più è che i minorenni ingeriscano bevande energetiche a qualsiasi ora del giorno. Ritengono che dia loro le energie sufficienti per affrontare una lunga giornata di studio e di attività extracurriculari

Questo perché mentre una tazza di caffè ha 40 milligrammi, queste bevande possono contenere 80 o anche 100 milligrammi.

“Ogni lattina, oltre a descrivere la sua composizione, specifica la dichiarazione consultare il medico prima di consumare questo prodotto. Ciò conferma il potenziale rischio che queste bevande comportano per la nostra salute”, ha spiegato Reguera.

Nelle loro leggende sulle informazioni nutrizionali, il suo consumo è sconsigliato nei bambini, donne in gravidanza o in allattamento, persone sensibili alla caffeina e anziani, e alcuni di loro consigliano di non mescolarsi con alcol, consultare un medico in anticipo e bere al massimo due lattine al giorno.

Tuttavia, sempre più ragazzi iniziano con la loro assunzione dall’età di 13 anni e gli specialisti lo avvertono Oltre ad alterare la percezione, possono causare disturbi digestivi come gastrite o dolore addominale.

Il consumo nei minori ha iniziato a diventare popolare grazie ai social network. Ritengono che scattare foto con una lattina sia bello e questo fa sì che coloro che non l’hanno consumato prima ora si mimetizzino e facciano lo stesso. Ci sono anche bambini che raccolgono lattine vuote e le espongono nelle loro stanze.

Mentre una tazza di caffè ha 40 milligrammi, queste bevande possono contenere 80 o anche 100 milligrammi (IStock)
Mentre una tazza di caffè ha 40 milligrammi, queste bevande possono contenere 80 o anche 100 milligrammi (IStock)

Ma la cosa più allarmante è che ci sono dei giovani che iniziano ad assumerlo al mattino – a colazione, ad esempio – considerando che dà loro le energie sufficienti per affrontare una lunga giornata di studio e di attività extracurriculari. E tutto questo con l’approvazione dei loro genitori.

“Non ci sono studi conclusivi che dimostrino gli effetti benefici delle bevande energetiche, ma ci sono prove sufficienti degli effetti negativi di alcuni dei suoi componenti più comuni.. Sono necessari ulteriori studi per determinare con certezza la sicurezza delle bevande energetiche, che hanno un notevole potenziale tossico, che non viene debitamente informato al consumatore”, ha affermato un recente studio pubblicato negli Stati Unitiche ha rivelato gli effetti cardiaci delle bevande energetiche e la loro relazione con la morte improvvisa.

CONTINUA A LEGGERE:

Le bevande energetiche possono causare la morte improvvisa
Perché le bevande energetiche dovrebbero essere regolamentate: i loro pericoli

Add Comment