La rivelazione inaspettata di Romina Gaetani: “Facundo Arana aveva atteggiamenti molto violenti nei miei confronti e ci sono testimoni”

Questo venerdì, Romina Gaetani è stato l’ospite speciale di LOROe sparò a due dei galanti con cui doveva lavorare: Luciano Castro e Facundo Arana.

Dopo che la produzione ha mandato in onda un nastro delle sue esibizioni più memorabili, Angelo De Brito ei suoi relatori hanno iniziato a fargli domande sui suoi rapporti all’interno e all’esterno degli studi televisivi.

In primo luogo, l’attrice ha raccontato come il suo sbarco nel mondo di Chris Brownquando si è unito estate ’98interpretando la squilibrata Carla, e poi ha continuato Chiquititas. “Vengo dal lavoro con Pepito Cibriano. I due hanno in comune il fatto di essere piuttosto militanti sul lavoro, la puntualità, arrivare profumati, ordinati, con la lettera conosciuta, sapersi, brillare, saper competere bene… Era difficile Chiquititas, perché non mi piacevano i ragazzi in quel momento, niente. E ho imparato molto da tutti loro. Ho imparato a stare davanti alla telecamera, a lasciar andare, ad essere paziente, ad essere più calmo e più sicuro di sé.”, ha ricordato.

Quindi, ha sottolineato che il lavoro televisivo in cui ha avuto il miglior tempo è stato Sono zingaro. “Penso che sia stato molto intenso. Ho sempre avuto l’atteggiamento di uno spettatore, come uno studente di teatro… Lo vedevo Arnaldo Andre e non potevo crederci. UN Bethiana Blum, che mi ha sempre scoreggiato! La cosa è Osvaldo Laport Ho improvvisato molto e mi è piaciuto molto improvvisare… Ora, sono più interessato a seguire i testi, ma mi piace sapere dove sta andando la scena e farla scorrere”, ha spiegato.

La De Brito le chiese, allora, di scegliere tre galanti con cui avrebbe dovuto lavorare, ma lei decise di non giocare: “No, li terrò tutti, anche se potrebbe essere controverso. Ho imparato da tutti, avevamo più o meno chimica. Avevo colleghi con molto più mestiere di me dai quali ho imparato molto. Li sceglierei di nuovo tutti perché sono già una professionista e un’altra donna “, ha indicato.

E ancora l’autista è intervenuto per chiedergli se fosse vero che nelle scene con cui condivideva Nicola Cabre in stivali Li ho registrati a piedi nudi, per via del dislivello tra i due. “È che all’inizio volevo fare la botinera guacha e Cabré è rimasto qui”, ha ricordato l’attrice, ridendo, indicandosi il petto. “Così, ho iniziato a indossare stivali piatti. Ma non me l’ha mai chiesto. Mai! Ma ho avuto un attore che mi ha detto: ‘Uh, ti sei messo quelle scarpe…’, ha aggiunto.

Naturalmente i relatori volevano sapere a chi si riferiva, ma si è limitata a fornire indizi: “Ha gli occhi azzurri… Mi ucciderà!” Ha detto e ha negato che lo fosse Facundo Arana. Su sua insistenza, morendo dalle risate, finì per rivelare il suo nome: “!Guglielmo Francesca! E, per ammorbidire, ha espresso: “Quello che impari con lui è tremendo. Ho registrato con lui due capitoli di L’uomo della mia vita e lui ti segna, ti dirige, è bravissimo”.

Romina Gaetani ha ricordato un bacio con Benjamín Vicuña, ma ha negato di aver avuto una relazione con lui

SU Benjamin Vicunamalizioso, ha indicato: “Bacia bene”, e consapevole che stava entrando in un terreno paludoso, esclamò: “Mi sono seppellita!” Più seriamente, ha elaborato un aneddoto incluso nella sua clip di presentazione, in cui si sente dire che si è goduta un bacio con l’attore cileno. “È vero quello che ho detto… Nel romanzo [Herederos de una venganza] abbiamo giocato marito e moglie, ma a quel tempo ero una coppia con Luciano Castro e ha interpretato il cattivo marito. Non ci eravamo mai baciati. Era una scena aperta… Eravamo lontani, li abbiamo sentiti gridare ‘azione’ e ci siamo baciati. È stato un lungo bacio, non ci siamo mai lasciati. Ma non è successo agli adulti, c’erano delle voci, è vero, ma non erano vere”.

Ho parlato con Caro [Pampita Ardohain, la entonces pareja del actor] e tutto… Era preoccupata e non volevo che si preoccupasse. Benjamin non me l’ha chiesto, era la produzione. Ho ottime vibrazioni con Pampita, perché abbiamo amici in comune; lei la conosceva, avevamo vibrazioni molto buone. Abbiamo parlato per tipo mezz’ora. Era una conversazione di due donne che parlavano di uomini“, rivelato.

Castro e Gaetani, i protagonisti del fortunato Eredi di una rivincita
Castro e Gaetani, i protagonisti del fortunato Eredi di una rivincitaI tredici

“Ci hanno sempre messo… Parlerò da solo. Mi hanno sempre messo nella condizione di rubare mariti… Mi sono legato a vicenda per questo… E non è vero. Non sono uno che vuole negare, lascio che le cose cadano per il loro stesso peso e ognuno si prende cura del marito o della moglie che sceglie“, Lui ha spiegato.

Pía Shaw glielo ricordò all’epoca Era legata a Luciano Castro quando l’attore aveva già una relazione con Sabrina Rojas. «Era un po’ più delicato. Mi sembra che ci sia stata una grande mostra… Oggi non vorrei parlarne, perché hanno formato una famiglia meravigliosa. Mi sembra che né lei né io dobbiamo uscire e parlare di una cosa che in ogni caso dovrebbe uscire lui per chiarire“, Tiro.

E ha spiegato: “Da cui è uscita una copertina Paparazzi in cui affermavano che io e lui avevamo qualcosa e Luciano si arrabbiò molto. Era forte per tutti e tre. Ne mettono sempre uno come il guacha. Fu contemporaneamente che mi misero in relazione con Benjamin. Un quilombo! Per fortuna non stava uscendo insieme! Ah, sì, usciva con qualcuno… E penso che da quando ho visto arrivare il quilombo, gli ho detto di separarsi”, ha indicato.

Shaw voleva sapere se Castro l’ha chiamata dopo l’uscita della rivista. “No. Ho lasciato due messaggini per Luciano, che non mi ha mai risposto in vita sua. Il cattivo Lucian. Ma beh, era con un altro quilombo, sua moglie, la sua famiglia… Presumibilmente erano già insieme in quel momento, ma se lo fossero o meno lo lascio a me stesso.”, ha continuato, enigmatica. “Ma cosa succede, e qui faccio una parentesi e va oltre Luciano, tante volte è successo a me, ti dicono che sono soli. E vai a casa del solista e poi scopri che è la bufala dove tu, tu, tu e te siete andati. E lo scopri quattro anni dopo… Luciano è tanto, davvero! Non direbbe mai se avessimo qualcosa o no, perché penso che non contribuisca. Inoltre, ora ha una relazione, ok. Non aggiunge. Non ci siamo mai più incrociati”, ha detto l’attrice.

Gaetani e Castro, durante uno stop alle registrazioni della striscia
Gaetani e Castro, durante uno stop alle registrazioni della strisciaDario del Olmo – LANACION.com

«Pensava che tu avessi venduto la storia d’amore a Paparazzi ed è per questo che non ti ha risposto?”, la rimproverò Yanina Torres. “No. Sono una donna con i codici. Se lui ci credeva, è un problema suo. Molti uomini credono che tutti i buchi siano gli stessi. Quindi, Quello che mi fa più male è pensare che non mi conoscesse. Non capiva il tipo di legno di cui sono fatto. Se qualcuno pensa che io sia capace di dire qualcosa, non mi conosceva affatto“, ha risposto l’attrice e ha assicurato che avrebbe lavorato di nuovo con lui.

“Non mi mancherebbe mai lavorare con gli attori con cui ho lavorato”, ha detto. “Cabré, per esempio, è un grande attore e ti fa sudare, perché inizia a improvvisare, ti esige. Non è mai stato scontroso con me. Nelle buche che avevamo, mi faceva ascoltare il tango. È un fan del tango e anche a me piace. Abbiamo parlato molto”, ha assicurato.

Andrea Taboada volevo sapere cosa è successo davvero Facundo Aranariferendosi al controverso post che l’attore ha dedicato alle reti per, presumibilmente, promuovere un argomento che l’attrice aveva appena pubblicato, in cui assicurava che credeva che sarebbe morto “come Amy Winehouse o Janis Joplin”.

Gaetani e Arana hanno condiviso il ruolo principale nella striscia Noche y día
Gaetani e Arana hanno condiviso il ruolo principale nella striscia Noche y díaper gentile concessione dei tredici

“Ricordo perfettamente. ho lasciato Notte e giorno perché la mia salute era davvero pessima, nonostante mio padre fosse morto qualche mese fa. A volte si crede che di fronte alla morte il lavoro salvi, ea volte lo spettacolo non dovrebbe continuare. La mia famiglia pensava che fosse l’opzione migliore. Stavo avendo attacchi di panico che mi hanno preso all’alba. Pianse e pianse. E stavo per registrare con la mia faccia in questo modo. ero molto magro… E con Facu mi succedono due cose belle: siamo molto simili, molto focosi, molto abbronzati, molto espressivi; e amo la coppia che abbiamo creato. Non avrei avuto problemi a lavorare di nuovo con lui, perché non vedevo l’ora di lasciare la striscia dopo il quarto mese”, iniziò a spiegare.

Ha aggiunto: “Ero davvero in uno. Non era giusto. E quando pubblico un video clip che parla in modo specifico della dipendenza, ma è una storia d’amore, Quello che penso è: “Che peccato che Facundo non abbia potuto vedere lo spettacolo! Perché era davvero una bella canzone e si concentrava solo sulla parola ‘falopa’. Ricordo che quella sera dell’inaugurazione, essendo un interprete indipendente che mi mette tutto di tasca mia, mandai il link del video alla mia lista di contatti, compreso Facundo. Alle due del mattino era con i miei amici, brindava e rispondeva a tutti, e ho ricevuto un messaggio da lui. E forse l’equivoco era qui… mi ha detto: ‘Vuoi che il mondo intero ne parli domani?’ Gli ho detto: ‘Sì, provaci!’ Mi manda un sms alle due e mezza del mattino e lo leggo dall’alto. E c’è la confusione… non so se l’avesse già postato o se lo approvi io. Ero dispiaciuto che non avesse enfatizzato la canzone e che mi avesse paragonato ad Amy e Janis Joplin. Ecco perché la mia battuta è che non ha mai ascoltato Janis, perché se fosse come loro… penso che quel post parlasse più di lui che di me, ed è per questo che il post non mi ha offeso e non avevo la necessità di uscire e chiarire qualsiasi cosa. . Non aveva intenzione di uccidermi. Un attacco di panico non uccide nessuno”.

Per la fine, l’attrice lo ha rivelato il rapporto con il biondo rubacuori non è mai stato un letto di rose. “Ho vissuto situazioni spiacevoli con lui all’interno del romanzo. Ho trovato una certa violenza da parte di lui che non era buona. Non è bene entrare nei dettagli, ma Aveva atteggiamenti violenti nei miei confronti e quel post lo dimostra quasi un anno dopo. Urlando, parole che non sono belle da raccontare, sbattendo sul tavolo. Ci sono testimoni, infatti, che lo hanno visto nel camper in queste discussioni. Erano problemi di lavoro, avevamo opinioni diverse su alcune scene, e all’improvviso ha avuto un inizio brusco che non era buono, o ti ha detto una parola… Per qualcuno che ti dica: ‘Se tu fossi un uomo, ti picchierei a sangue’ è molto“, rivelato.

Gaetani e Arana, sul set della striscia
Gaetani e Arana, sul set della striscia LA NAZIONE

E ha detto che dopo il controverso incarico dell’attore si sono incontrati a una festa a Carlos Paz, perché i due stavano facendo una stagione nella città di Cordoba. “E non posso riprodurre quello che mi ha detto, perché è più forte di tutto quello messo insieme. Era come se me lo raccontasse insieme in due parole mentre tutti i paparazzi ci fotografavano. Nell’orecchio… lo dico io… Con il suo miglior sorriso mi ha detto: ‘Quanti guai per essere una puttana falopera’. Lo racconto con un sorriso, perché non mi vergogno a parlarne. Penso che la televisione non sia un posto molto piacevole per parlare di dipendenze, qualunque esse siano. Ma non mi pento né mi vergogno di ciò che ho vissuto. Potrei parlare di questo, lo tratto, sto bene con me stesso e so che posso aiutare molte persone”.

Taboada gli ha chiesto cosa fosse successo dopo che l’attore gli aveva sussurrato quella frase all’orecchio, e Gaetani ha raccontato: “Il brindisi è passato e con un bicchiere di champagne mi sono avvicinato e gli ho detto: ‘Né una cosa né l’altra.’ Né puttana né falopera. E se lo fosse, questo è un problema mio”.

Add Comment