minuto per minuto, dal vivo

ABITARE

Novità in sviluppo

Il monegasco Charles Leclerc (Ferrari), leader del Campionato Mondiale Piloti di Formula 1, ha preso il via questa domenica al primo posto al Gran Premio di Spagna scortato dall’olandese Max Verstappen (Red Bull), campione in carica e scorta nella classifica della stagione .

Il Gran Premio di Spagna si svolgerà questa domenica sul circuito di Montmeló a Barcellona su 66 giri su una pista di 4.675 metri, a partire dalle 10 in Argentina, con una trasmissione in diretta su Fox Sports e Star+.

54° giro. Pérez, che ha fatto una bella differenza rispetto a Russell (più di 25 secondi), passa alle gomme morbide e torna in pista senza cedere posizioni -secondo, dietro Verstappen- e con un obiettivo: stabilire il record sul giro, che è detenuto da Hamilton.

51° giro. Hamilton si ferma ancora e monta le gomme morbide. Ritorna settimo, ma supera rapidamente Ocon con il record sul giro, 1’25.106, ed è sesto, a più di sei secondi e mezzo da Sainz (5°).

49° giro. E Verstappen torna in testa. Quando l’olandese, con gomme migliori, si avvicina abbastanza, Pérez si apre e lascia spazio al compagno di squadra per prendere il comando. “Grazie, amico”, dice il campione in carica alla sua compagna alla radio.

48° giro. Dal box della Red Bull dicono a Pérez che Verstappen si sta avvicinando al primo posto di buon passo, scivolando che dovrà far passare l’olandese quando sarà il momento. “Mi sembra ingiusto, ma ok”, dice il messicano, che accetta l’indicazione della sua squadra.

45° giro. Grande gara per Hamilton, che dopo essere caduto al terzultimo posto dopo aver subito una foratura in partenza a causa di un contatto con Magnussen, è quinto dietro a Pérez, Verstappen, Russell e Bottas. Anche il britannico ha qualche problema con il controllo della pista e ha già ricevuto un’allerta per il superamento dei limiti della pista. “Quante volte sono andato largo? Non me ne rendo conto”, dice.

44° giro. Verstappen, che aveva già 18 giri con le gomme morbide, rientra ai box per montare le componenti medie. Pérez continua a guidare la gara, ma l’olandese rientra in pista al secondo posto, a meno di sei secondi dal messicano, e davanti a Russell.

43° giro. Dopo alcune curve molto emozionanti, Verstappen è in vantaggio di quasi 16 secondi e mezzo sul compagno di squadra Pérez. Russell, a sei secondi dal messicano, completa il podio. Dietro compaiono Bottas, Sainz, Hamilton, Ocon, Norris, Alonso e Tsunoda.

38° giro. Pérez rientra ai box e Verstappen eredita il comando della gara. Ma l’olandese, che precede con 17 secondi di vantaggio sul compagno di squadra e più di 21 su Russell, dovrà fermarsi nei prossimi giri, perché le sue gomme morbide difficilmente dureranno fino alla fine.

36° giro. Russell, che cominciava a vedere come Pérez stesse sempre più davanti a lui, si è fermato per montare gomme medie e ha consegnato il secondo posto a Verstappen. In testa, dunque, le Red Bull, con Pérez al primo posto e l’olandese al secondo.

Giro 34. Mentre il focus era sul “dramma” davanti, con Leclerc che se ne andava e la lotta tra Russell e Pérez per il primo posto; Hamilton stava scalando posizioni ed è già settimo. Il britannico ha fatto bene al suo secondo ingresso ai box e sembra girare la storia di una domenica iniziata molto male.

31° giro. Pérez è il nuovo leader. Senza problemi di DRS come il compagno, il messicano ruba il primo posto a Russell e pian piano inizia ad allargare il gap. Verstappen ha già superato Bottas ed è terzo.

30° giro. Con la partenza di Leclerc è iniziata una nuova gara. Russell guida scortato da Pérez e Bottas. Verstappen rientra ai box per mettere le gomme medie, per lottare per la vittoria. Con il monegasco fuori, l’olandese potrebbe lasciare la Catalogna come leader del campionato.

28° giro. Leclerc perde il comando. La Ferrari del monegasco inizia a perdere potenza e il leader di campionato deve rientrare ai box. “No no no, cos’è successo, ho perso il potere?” grida deluso. Infine, si conferma il suo ritiro per problemi meccanici.

27° giro. Pérez, che è quarto, chiede alla sua squadra di “togliere di mezzo Verstappen”, che continua ad avere problemi nel DRS. Il messicano, con gomme medie, vuole puntare alla vittoria. Ma dal box della Red Bull gli dicono che è ancora molto lontano dal compagno.

Hamilton è ancora in pista, ma lontano dalle posizioni da gol. Il sei volte vincitore di Catauña, era riuscito a risalire fino al 14° posto, ma rientra ai box al 24° giro e, al rientro in pista, ricade al 19° posto. Una domenica da dimenticare in fretta per il britannico, almeno finora.

24° giro. Verstappen è a caccia del secondo posto e sorpassa Russell, ma il britannico fa una buona manovra di rimonta e si trova ancora una volta alle spalle di Leclerc.

22° giro. Leclerc rientra ai box e perde gran parte del vantaggio che aveva sulle sue scorte. Il monegasco, che monta gomme medie, torna in pista al primo posto, ma con soli cinque secondi su Russell.

21° giro. La parte più emozionante della gara è la lotta tra Russell e Verstappen per il secondo posto. Il britannico sembra solido in quella posizione, ma l’olandese continua a premere, con meno di un secondo di vantaggio. Tuttavia, con il DRS che lavorava a intermittenza, il campione in carica non è riuscito a superare la Mercedes.

18° giro. Pérez entra in area. Monta gomme medie e torna al quarto posto. Ora Leclerc, che non si è ancora fermato, è in testa con più di 30 secondi su Russell e un po’ più su Verstappen, che è ancora molto arrabbiato. “Non riusciamo nemmeno a far funzionare il DRS. È incredibile”, si lamenta l’olandese alla radio.

17° giro. Leclerc comanda la calma in pista. Il monegasco ha preso più di 16 secondi da Pérez, che è secondo, e quasi 30 da Russell, terzo. Verstappen, quarto, si lamenta alla radio che il DRS della sua Red Bull non funziona correttamente, il che gli impedisce di attaccare il britannico.

14° giro. Russel e Verstappen entrano ai box per mettere le gomme medie. In pista, Pérez e Bottas sono le nuove escort di Leclerc. Nessuno dei tre si è ancora fermato e sono ancora con le gomme morbide.

Giro 12. Russell riferisce che alcuni allarmi per auto sono scattati per avvertirlo che si sta surriscaldando. Il britannico della Mercedes è ancora secondo, ma troppo lontano da Leclerc, che ha più di 10 secondi di vantaggio e comanda molto comodamente.

9° giro. Verstappen non riesce a controllare bene la vettura alla curva 4 ed esce anche lui di pista. Rientra velocemente ma è quarto, dietro a Leclerc, Russell (a più di 8 secondi dal monegasco) e Pérez.

7° giro. Carlos Sainz esce di pista, dopo aver commesso un trombo alla curva 4. Lo spagnolo scende all’11° posto, mentre il suo compagno di squadra Ferrari Leclerc continua a guidare.

“Salverei il motore. Scusate ragazzi”, dice Hamilton alla sua squadra alla radio. L’inglese, rassegnato, sembra capire che non avrà molte possibilità di essere a Barcellona. Dopo il tocco dell’inizio, è ancora nella penultima posizione.

5° giro. Leclerc è in testa con poco più di un secondo di vantaggio su Verstappen. Russell è terzo con circa 4 secondi di ritardo. Dietro, Pérez, Sainz e Bottas (più di undici minuti dietro il leader).

2° giro. Hamilton e Magnussen entrano ai box. Il britannico, sette volte iridato, cambia gomme – il contatto con il danese ha provocato una foratura – e torna in pista con gomme morbide. 19 marzo, solo davanti a Magnussen.

Funziona già in Catalogna. Leclerc e Verstappen raggiungono la prima curva quasi alla pari, ma il monegasco riesce a difendere il vantaggio. Poco più indietro Hamilton vuole sorpassare Sainz, ma riceve un tocco da dietro da Magnussen, che manda in fondo al gruppo i due piloti.

Il giro precedente era andato.

Lewis Hamilton è l’unico pilota che ha scelto di iniziare la gara con gomme medie. Il resto ha tutte gomme morbide, alcune nuove, altre usate. Dei primi sei, Leclerc è l’unico con nuovi componenti.

I piloti sono già sulla griglia di partenza e il giro precedente è tra pochi minuti. La temperatura della pista è di circa 49°C, quindi l’usura degli pneumatici potrebbe giocare un ruolo importante nel risultato.

Stand pieni in Catalogna. Nonostante il caldo – poco dopo l’inizio della gara, il termometro segna 34°C, prossimi ai 46° in pista – una folla si è radunata all’autodromo spagnolo.

Fernando Alonso partirà in fondo alla griglia di partenza dopo aver montato un nuovo propulsore Renault sulla sua Alpine A522.

Lo spagnolo si è qualificato al 17° posto, ma le penalità al motore lo relegano all’ultimo posto.

A causa del caldo, i piloti cercano di rinfrescarsi il più possibile. Alcuni indossano sciarpe di ghiaccio per combattere l’alta temperatura.

Sergio Kun Agüero è in visita al Gran Premio di Spagna. E sta camminando lungo la pitlane circondato dai fan. “Vengo da Hamilton. Mi piace il suo atteggiamento di vincere, vincere e vincere. È molto competitivo”, ha detto l’ex calciatore argentino che sta passando per Barcellona e ha colto l’occasione per vedere dal vivo e direttamente la massima categoria del motorsport.

Una nuova battaglia tra Charles Leclerc e Max Verstappen si svolge al Gran Premio di Spagna di Formula 1 che avrà un ospite d’eccezione: l’alta temperatura. Il paese ha subito un’ondata di caldo e si vede a Montmeló. La pista è di 48 gradi Celsius, l’aria è di 36 gradi.

il precedente

Leclerc ha firmato la sua quarta pole position in sei gare nel 2022 e la tredicesima della sua carriera sabato, con l’aspettativa di ottenere la sua terza vittoria dell’anno questa domenica dopo quelle ottenute in Bahrain e Australia.

Verstappen della Red Bull partirà secondo e lo spagnolo Carlos Sainz Jr., l’altro pilota Ferrari, partirà dal terzo posto.

In terza linea di partenza il britannico George Russell, della Mercedes, il messicano Sergio Pérez (Red Bull) e il britannico Lewis Hamilton (Mercedes), ordinati rispettivamente quarto, quinto e sesto.

Le prime dieci posizioni del Circuit de Barcelona-Cataluyna sono state completate dal finlandese Valtteri Bottas (Alfa Romeo), dal danese Kevin Magnussen (Haas), dall’australiano Daniel Ricciardo (McLaren) e dal tedesco Mick Schumacher (Haas).

F1 Formula Uno Costruttori Campionato Posizioni Squadre 2022

.

Add Comment