Santiago Ponzinibbio si prepara al ritorno in UFC con un match che si preannuncia il migliore dell’anno: “Ho sete di vendetta”

Ponzinibbio affronterà a Las Vegas il brasiliano Michel Pereira (Emanuel Gomez)

“Tutto è dato per farne la lotta dell’anno”assicura Santiago Ponzinibbio un Infobae in vista della sua nuova presentazione all’UFC questo sabato, 21 maggio. L’argentino si prepara a tornare nell’ottagono più famoso del mondo con “sete di vendetta” dopo quanto accaduto nell’ultimo incontro, mentre dall’altra parte lo attenderà il brasiliano Michele Pereirache deriva da quattro vittorie di fila.

L’UFC Apex di Las Vegas (Nevada) ospiterà la serata ed entrambi i protagonisti promettono di mettere in scena uno spettacolo da abbinare co-evento principale di un evento stagionale, la prima è stata la storica e sportiva rivalità sudamericana tra Argentina e Brasile.

Il Rasta tornerà in azione dopo cinque mesi con un obiettivo chiaro: uccidi chi ti sta di fronte per avere ancora una volta l’opportunità di lottare per la cintura dei pesi welter, oggi nelle mani della migliore compagnia libbra per libbra Kamaru Usman.

Santiago Ponzinibbio cercherà una vittoria che lo avvicini al titolo di divisione dei pesi welter
Santiago Ponzinibbio cercherà una vittoria che lo avvicini al titolo di divisione dei pesi welter

“Tornare all’ottagono è una bella sensazione”riconosce il nativo di La Plata dopo quello che era suo sconfitta controversa contro l’americano Geoff Neal per decisione divisa, in cui una giuria lo ha visto come il vincitore mentre le altre due no.

“Arrivo con una sete di vendetta dopo quello che è successo”assicura Santiago. “Penso di aver vinto quella battaglia, è stato vicino, ma penso di aver vinto e molte persone la pensano allo stesso modo. In effetti il ​​campione di divisione (Usman) sentiva che avevo vinto. Ma ehi, ora sono già concentrato su ciò che accadrà e sul dare tutto per vincere di nuovo il titolo”, aggiunge.

L’argentino, attualmente nel 14° posto nella divisione pesi welter della classifica, compare all’UFC Vegas 55 con un record di 29 vittorie di cui 15 sulla corsia preferenziale e cinque sconfitte, numeri simili a quelli del suo avversario che ha 27 vittorie (10 KO), 11 sconfitte e due combattimenti senza decisione (NC).

Anche se il brasiliano non è nella Top 15, sarà una bella sfida per Ponzicome deve portare via le quattro vittorie imbattute che comporta, in un combattimento in cui si vede chiaramente uno scontro di stili: «Anche se siamo entrambi attaccanti e cerchiamo la lotta a piedi, lui è un combattente più pazzo mentre io sono più tecnico, più chiuso. La verità è che, indipendentemente dal suo stile, non ho intenzione di cambiare la mia posizione, sono un finisher, esco per il knockout, vado a premere e lo farò in questo modo Sabato”.

Instagram
Instagram

“Ha uno stile spettacolare, io ho uno stile che è anche molto divertente da guardare e tutto è dato per farne la lotta dell’annoe anche uno dei migliori combattimenti nella storia di questa divisione di peso (welter), avverte l’argentino.

Pereira, 28 anni, è uno dei combattenti più pericolosi della categoria per la sua tecnica poco ortodossa, con piroette, salti e colpi che sanno sorprendere In ogni momento. “È esplosivo e ha un grande potere di eliminazione. Può confonderti con i suoi movimenti. La cosa più pericolosa di lui è che può prendere i pugni da qualsiasi angolazione e con qualsiasi guardia poiché è ambidestro”, dettaglia Santiago.

Pugnale argentino (Il pugnale argentino), lo capisce sarà un combattimento pieno di condimenti extrae in cui una vittoria avrà per lui molte buone conseguenze, la principale sarà il fatto di riposizionarsi tra i migliori della sua categoria per lottare per il titolo.

“Pereira ha un nome molto forte all’interno dell’azienda, molto grande del resto e sta facendo molto bene dopo quattro incontri vinti. Se ottengo una buona vittoria su di lui, andrò sicuramente molto vicino alla cintura. e magari dopo arriverà qualche top di divisione”.

Ponzinibbio raggiunge l'ottagono con "sete di vendetta" (Getty)
Ponzinibbio arriva nell’ottagono con “sete di vendetta” (Getty)

Lo sa anche Ponzinibbio, 35 anni Devi ottenere un risultato positivo per iniziare a regolarizzare la tua storia. Dopo una pausa di due anni a causa di vari infortuni e problemi di salute, il combattente è tornato in azione nel gennaio 2021 con una sconfitta per KO contro Jingliang Li, una vittoria su Miguel Baez per decisione e l’ultima controversa sconfitta contro Geoff Neal.

Prima di quel periodo di assenze, in cui visse momenti drammatici, l’uomo di La Plata accumulato sette vittorie consecutive in tre anni (dal 2015 al 2018), l’ultimo contro Neil Magny in una serata storica, da quando È stato il primo sviluppato in Argentina.

A questo proposito, Santiago ha confermato di Infobae che cosa sta facendo tutto il possibile per il ritorno dell’azienda nel Paese: “L’idea è che l’UFC torni in Argentina. Nel 2020 era nei piani ma la pandemia lo ha impedito. Ma ehi, se non è quest’anno, Sicuramente la prossima volta avremo l’UFC in Argentina”.

Quanto al suo futuro, lui rasta in attesa “Fai altri due combattimenti quest’anno per essere in grado di essere attivo” e se tutto andrà bene, potrà sfidare Kamaru Usman per il titolo. “Usman sta andando molto bene, è un combattente super completo che si evolve ad ogni combattimento. Oggi è l’atleta numero 1 libbra per libbra.

“Voglio davvero incontrarlo. Spero di dover lottare per il titolo contro di lui perché è uno dei miei obiettivi e una lotta che mi piace molto. Avevo già accettato di combattere con lui in Cile ma non è successo. Ora spero che succeda presto”, ha condannato.

CONTINUA A LEGGERE:

Pepi Staropoli, dal lavoro in polizia alla lotta in UFC: il suo senso di appartenenza all’Argentina e il fanatismo per Maradona
Ramón Arroyo, l'”Ironman” che gareggia con la sclerosi multipla: “Ho voltato le spalle alla malattia per 3 anni e fare sport mi ha cambiato la vita”
La storia dietro il “grido di disperazione” che è diventato lo spettacolo più insolito dei Mondiali

Add Comment